Produzioni e Distribuzioni cinematografiche

Stilema

Stilema

Daria è la giovane moglie, settentrionale, di un uomo anziano, uno scrittore-attivista di successo, Giorgio. I due vivono in Abruzzo, la regione natale di lui: la loro vita è una girandola di impegni, viaggi nelle zone più disperse della ragione (il film è anche l’esplorazione di stati umani quasi primitivi, processioni, esseri deformi, luoghi selvaggi e sublimi…)

Sinossi

Daria è la giovane moglie, settentrionale, di un uomo anziano, uno scrittore-attivista di successo, Giorgio. I due vivono in Abruzzo, la regione natale di lui: la loro vita è una girandola di impegni, viaggi nelle zone più disperse della ragione (il film è anche l’esplorazione di stati umani quasi primitivi, processioni, esseri deformi, luoghi selvaggi e sublimi…), distrazioni, sesso – un sesso tutto particolare, più intellettuale che fisico – e una specie di amore. Nello stesso tempo, Daria ha relazioni con altri uomini, più giovani, e lui lo sa. Anzi: questi tradimenti, non segreti, sono una specie di gioco tra loro. Giorgio è come un maestro per Daria: un maestro di vita e di estetica, e la parola stilema è il simbolo del loro rapporto. Per Giorgio ogni cosa, anche piccola, e ogni minima parola, sono stilemi: tutto ha un significato, niente è casuale, tutto è costruito con grazia giapponese, ma anche con un po’ di maniacalità. Per Giorgio qualsiasi cosa ha un significato, ecco il punto. Giorgio è anziano, ma ancora carismatico ed ascoltato come intellettuale. Un giorno, lui e Daria vanno a L’Aquila, ancora ferita dal grande terremoto del 2009, piena di gru e puntelli, e quasi disabitata. Con una scusa, Giorgio fa allontanare Daria; quindi si uccide, da solo, con un colpo di pistola, in mezzo alla strada. Daria non ne sa nulla, ma è una decisione presa seriamente: Giorgio però voleva che la società e i media credessero ad un gesto di protesta, in realtà è malato. Giorgio diventa così un’icona contradditoria. A casa, lei trova un file audio sul computer di lui: è dedicato a lei, e lì Giorgio spiega tutta la verità, con freddezza – la morte volontaria è solo un altro dei suoi stilemi: il suo capolavoro. Daria è disperata, e nello stesso tempo si trova molto ricca e del tutto libera. Pubblicamente, fa la parte della vedova, e accredita la tesi del suicidio dimostrativo (come quello di Venner, l’intellettuale che si uccise a Notre Dame). Si sente anche tradita, perché lei ammetteva le sue relazioni, mentre Giorgio ha programmato per mesi lo stilema del suicidio e non gliene ha mai parlato. Lei è ancora sensibile alla teoria degli stilemi, della vita estetica e precisa, e comincia uno strano dialogo con Giorgio morto. Non si capisce se sia un’allucinazione: in realtà tutto parla di Giorgio, e sembra che Giorgio parli attraverso tutte le cose. Lui è invisibile, ma presente. Lui continua a fare un po’ il maestro, e le spiega che “essere vivi o essere morti è la stessa cosa”, come ha detto Pasolini. Giorgio – questa strana presenza – continua anche il gioco erotico, e anche quello ironico (qualcosa come “Ora ti lascio… prendo un thé con Shakespeare”). Daria si sente comunque obbligata alla parte dell’attivista pro-terremoti e pro-territorio. È quasi obbligata dalla presenza mentale di Giorgio, in realtà. Gira per il territorio, soprattutto nelle zone più martoriate, e cerca di essere come Giorgio. Ma non ne ha il carisma, né il curriculum. È una specie di bella statuina. E senza il marito – che era anche la guida, e apparteneva al territorio – lei non è trattata con rispetto. Tutt’altro: è un’estranea. In un paesino terremotato, Daria si lascia avvicinare da un uomo, ne sembra attratta, ma subisce uno stupro, umiliante e doloroso, nel quale lei invoca Giorgio, ma la sua voce non viene mai a confortarla. La voce arriva dopo lo stupro, quando lei è sola, e le ricorda che lo stilema deve essere completato. Daria decide di uccidersi. Sta per farlo, gettandosi da un dirupo. Ma proprio in quel momento torna la voce di Giorgio: la ferma, le ordina di no, e la scioglie dal legame. Lei crolla, piange, si rialza, va via: lascia l’Abruzzo, e per l’ultima volta Giorgio si fa sentire. La lascia libera, del tutto. Daria chiama suo padre: gli dice che è libera, che ha soldi e tempo. “Dove vogliamo andare? Offro io”. E ora è lei a parlare, guidando: un piccolo monologo di orgoglio e di dignità, una ribellione contro il delirio estetico e mortale di Giorgio.

Autori

  • Soggetto: Massimo Sannelli
  • Sceneggiatura: Massimo Sannelli - Cesare Geremia Giromini

Produzione

Cesare Geremia Giromini ed Edina Szoke per Excelsior Cinematografica

Regista

Da definire

Altri interpreti

Da definire

Ufficio stampa

Da definire

Settimane di lavorazione

Da definire

Distribuzione italiana

Da definire

Vendite estere

Da definire

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Potresti essere il prossimo protagonista del nuovo film!
Adamantis
Excelsior Cinematografica
Excelsior TV
Isaf.academy
Attori Italia
Accademia Nuovo Cinema
Divi per il Cinema
Divi per sempre
x
Milano incontra il Cinema

Manifesto incontro auditorium ca 2grandabasso

MILANO INCONTRA IL CINEMA

Dibattito-Spettacolo sul cinema, tendenze e nuovi stimoli nel capoluogo lombardo

Giovedì 12 ottobre 2017 dalle 20:45

Auditorium Teresa Sarti Strada - Viale Ca' Granda, 19, 20162 Milano MI, Italia

ENTRATA GRATUITA

Dibattito-spettacolo sulla situazione cinematografica nel capoluogo lombardo e stimoli nuovi.

Finalmente potrai incontrare e parlare con attori, registi e professionisti del mondo dello spettacolo . Sarete nostri graditi ospiti.

Per prenotare gratuitamente e maggiori informazioni: ANDATE QUI

x
Videoclip musicali

concerto

VIDEOCLIP MUSICALI PER TUTTI GLI ARTISTI

Buongiorno Artista,

Hai un brano da registrare?  L'hai già inciso e ne devi fare un CD? Oppure hai bisogno di un videoclip super-professionale del pezzo? Devi promuoverti sui mezzi di comunicazione e/o dal vivo?

Basta che ci dite quello del quale avete bisogno e siamo in grado di soddisfare le vostre esigenze.

SENZA IMPEGNO!

Anche se avete un budget minimo, studieremo il progetto e troveremo la soluzione.​ VAI QUI